Pro loco Caggiano
Pro loco Caggiano

Pro loco Caggiano

Terra di sapori e tradizioni

Regione Campania Provincia di Salerno Comune di Caggiano Unione Nazionale delle Pro Loco d'Italia
Skip Navigation LinksHome > Sapori e tradizioni > Le tradizioni > Pellegrinaggio a Viggiano venerdì 6 dicembre 2019 - 02:40:01
Sapori e Tradizioni
Le tradizioni
Pellegrinaggio a Viggiano
Sapori e Tradizioni
Nei tempi passati, il nostro popolo di contadini e di artigiani si recava a Viggiano, partendo dal paese, con asini e muli, il mercoledì pomeriggio; subito dopo una solenne funzione religiosa nella Chiesa del SS. Salvatore, i procuratori disponevano i pellegrini per la partenza.

In testa al "Pio Corteo" erano i nostri suonatori di ciaramelle e zampogne, infaticabili nel trarre dai loro rustici strumenti note nuove e diverse, note antiche e ricche di armonia; seguiva la "Centa", opera artistica, orgoglio di tutto il paese, portata da una fanciulla, affiancata da due giovani; venivano poi le altre fanciulle, sempre pronte per alternarsi nel trasporto del ricco trofeo di devozione; e dietro i pellegrini con i muli ed asini carichi di pane, vino, companatico ecc... Il popolo festante era lungo le strade a dare il saluto e l'augurio di buon pellegrinaggio.
A tarda notte si fermavano sotto le mura di Brienza e qui, bivaccavano: chi riposava e chi vegliava e cantava inni alla Madonna, mentre fuochi improvvisati rischiaravano la notte settembrina.
Rinfrancati e ristorati, nella stessa notte, le zampogne e le ciaramelle chiamavano a raccolta i pellegrini: seguendo piccoli sentieri montani, tra salite e discese, verso le sette del mattino facevano una breve tappa fuori Marsico Nuovo e, poi, seguendo la lunga vallata, a sera tardi, stanchi ma sereni, affrontavano la salita del Monte di Viggiano.
Riprendevano i canti e i suoni, e l'emozione invadeva gli animi di tutti: "Ecco la piccola Cappella che custodisce la miracolosa Madonna! " Offrono la "Centa", dopo aver fatto tre giri intorno alla Cappella, e poi si preparano per la veglia notturna.
All'alba del venerdì i pellegrini scendevano in paese e qui, nella casa dei loro antenati, si riposavano e si rifocillavano.
Il sabato, in devoto raccoglimento, i nostri pellegrini risalivano il Monte per le funzioni religiose e per concorrere al trasporto in processione della Madonna, verso il paese, nel grande Santuario a Lei dedicato.
I nostri avevano, per tradizione, l'ambìto privilegio di essere i primi a prendere sulle spalle il trono della Madonna.
La domenica, verso il tramonto, felici, riprendevano la via del ritorno, e solo il lunedì, verso le undici, le campane delle nostre chiese annunziavano l'avvicinarsi del pellegrinaggio.
Nei tempi passati, il nostro popolo di contadini e di artigiani si recava a Viggiano, partendo dal paese, con asini e muli, il mercoledì pomeriggio; subito dopo una solenne funzione religiosa nella Chiesa del SS. Salvatore, i procuratori disponevano i pellegrini per la partenza.
In testa al "Pio Corteo" erano i nostri suonatori di ciaramelle e zampogne, infaticabili nel trarre dai loro rustici strumenti note nuove e diverse, note antiche e ricche di armonia; seguiva la "Centa", opera artistica, orgoglio di tutto il paese, portata da una fanciulla, affiancata da due giovani; venivano poi le altre fanciulle, sempre pronte per alternarsi nel trasporto del ricco trofeo di devozione; e dietro i pellegrini con i muli ed asini carichi di pane, vino, companatico ecc... Il popolo festante era lungo le strade a dare il saluto e l'augurio di buon pellegrinaggio.
A tarda notte si fermavano sotto le mura di Brienza e qui, bivaccavano: chi riposava e chi vegliava e cantava inni alla Madonna, mentre fuochi improvvisati rischiaravano la notte settembrina.
Rinfrancati e ristorati, nella stessa notte, le zampogne e le ciaramelle chiamavano a raccolta i pellegrini: seguendo piccoli sentieri montani, tra salite e discese, verso le sette del mattino facevano una breve tappa fuori Marsico Nuovo e, poi, seguendo la lunga vallata, a sera tardi, stanchi ma sereni, affrontavano la salita del Monte di Viggiano.
Riprendevano i canti e i suoni, e l'emozione invadeva gli animi di tutti: "Ecco la piccola Cappella che custodisce la miracolosa Madonna! " Offrono la "Centa", dopo aver fatto tre giri intorno alla Cappella, e poi si preparano per la veglia notturna.
All'alba del venerdì i pellegrini scendevano in paese e qui, nella casa dei loro antenati, si riposavano e si rifocillavano.
Il sabato, in devoto raccoglimento, i nostri pellegrini risalivano il Monte per le funzioni religiose e per concorrere al trasporto in processione della Madonna, verso il paese, nel grande Santuario a Lei dedicato.
I nostri avevano, per tradizione, l'ambìto privilegio di essere i primi a prendere sulle spalle il trono della Madonna.
La domenica, verso il tramonto, felici, riprendevano la via del ritorno, e solo il lunedì, verso le undici, le campane delle nostre chiese annunziavano l'avvicinarsi del pellegrinaggio.

Associazione Pro loco Caggiano © 2012 All right reserved  |  Part. Iva: 02820050658 Social: Seguici su Facebook Seguici su Twitter Contatti
Home   |   Area amministrativa   |   Privacy   |   Site map   |   Dove siamo   |   Contatti
largo Regina Margherita, 68 - Caggiano (SA)  |  telefono: (+39) 0975 39.31.00  |  html valid  |  css valid  |  links valid